I Rotoli Di Jarmuth (Firenze Libri 2001)

I retroscena della storia: Primo episodio

È costellata di “forse”, la storia raccontata nei rotoli scritti dallo sfuggente storpio di Jarmuth e indirizzati al nobile Allio il Giovane, medico personale dell’Imperatore Tiberio.

Forse la vita affascinante dell’orfano pastore idumeo è solo una leggenda, un’invenzione per divertire un potente, ed egli in realtà non ha mai visto nient’altro che il deserto.


Un romanzo enigmatico, capace di toccare tutte le corde dell’uomo, dall’ironia all’asprezza, al rancore, al mistero, al pathos.

Un inedito originale punto da cui osservare le vicende che ruotano intorno al mondo ebraico e romano negli anni in cui il Messia camminò in mezzo agli uomini.

Il libro ha vinto il Premio L’Autore 2001

Video trailer del romanzo di Guido Cornia “I Rotoli Di Jarmuth”

Acquista il libro in versione cartacea o leggilo in versione Kindle cliccando qui

Recensioni da Amazon.it


Cliente Kindle 29.12.2020
5,0 su 5 stelle I rotoli di Jarmuth

I rotoli di Jarmuth, di Guido Cornia, pur essendo uscito su Amazon per ultimo, è il primo dei cinque libri di quella che può essere definita a giusto titolo una vera saga, dal sapore antico. Le vicende, offrono una particolare e originale reinterpretazione storica della nascita del Cristianesimo, come saranno particolari e originali le interpretazioni storiche presenti nei quattro volumi successivi: Sicamber, Dio riconoscerà i suoi, Le ancore della Rosembaum, Memorie di un’ombra.
La trama si dipana, come in Dio riconoscerà i suoi, facendo ricorso alla tecnica epistolare, che consente di conoscere le vicende dalle lettere del protagonista ad un destinatario che non risponde direttamente.
La narrazione procede scorrevole e avvincente, tanto da spingere il lettore ad arrivare d’un fiato alla fine.
Stile impeccabile.
Anche in questo volume, si viene coinvolti in una rilettura della Storia al di fuori delle certezze tramandate dai testi ufficiali, non tenendo conto che una lettura libera da vincoli e preconcetti può raccontare qualcosa di diverso e sorprendentemente veritiero. Pier Celeste Marchetti”


Lidia Giorgianni 27.05.2021
5,0 su 5 stelle Meraviglioso ed imperdibile
Recensito in Italia il 27 maggio 2021

“Tratti leggeri di matita su di un foglio bianco non sai mai cosa apparirà o chi, ben presto quei tratti appena accennati si trasformano, pennellate sempre più precise e colorate prendono corpo,ecco che appare pian piano un quadro,un luogo, un’immagine perfetta,inizia sempre con un personaggio che sembra non avere alcuna rilevanza nella storia,affiancato da un fedele cane che non può mai mancare e poi? Ma di quale storia stiamo parlando? Quando si parla in generale di romanzi storici la maggior parte delle persone pensa ad un mattone pesante,sbagliato! Tutt’altro! È qui invece che esce fuori il genio di Guido Cornia, ti afferra e ti trascina dentro le pagine dei suoi libri facendoti vivere fantastiche avventure. Ad esempio un semplice pastore idumeo,senza un nome che dal deserto finisce in un piccolo villaggio e che imparerà a vedere quello che gli altri non vedono,farà cose che gli altri non possono fare,alla fine cosa farà di così importante nella sua vita? Il suo ruolo sarà quello di testimone di una storia diversa, una storia alternativa a quella ufficiale,non si può svelare molto perché il piacere dev’essere tutto del lettore o della lettrice,ma c’è tanto all’interno del romanzo,mistero,
esoterismo,fede. I rotoli ed un pezzo di legno faranno molta strada all’interno della trilogia scritta dall’autore,certo anche un libro solo ha un inizio ed una fine ed è completo e piacevole da leggere,ma se esiste la curiosità il viaggio inizia con “I rotoli di Jarmuth” continua con “Sicamber” e si conclude con “Dio riconoscerà i suoi” sono romanzi collegati tra di loro e secondo me imperdibili. I rotoli ed il pezzo di legno avrete sicuramente capito che non sono dei semplici oggetti,attraverseranno i secoli e le vite di parecchi esseri umani prima di completare il loro percorso e si sentirà spesso parlare di un malfattore buono,ma chi era costui? Complimenti a Guido Cornia fantastico romanziere”


Gianluca Piattelli 30.05.2021
5,0 su 5 stelle Una storia… dentro la Storia

“Leggere un libro di Guido Cornia è come fare un bagno nella storia. “I rotoli di Jarmuth” è un romanzo epistolare che paradossalmente converrebbe leggere ad occhi chiusi, assaporando appieno ogni frase, onde lasciarsi trasportare in un’epoca remota e in luoghi desertici ricchi di mistero. Guido riesce a creare un personaggio anonimo, quasi insignificante: un pastore di pecore volanti, raccontatore di favole e inutile al mondo. Quindi, come fece a suo tempo Ken Follett con la trilogia dedicata al Novecento, immerge il suo personaggio nella vera storia di un popolo e lo fa interagire con i veri personaggi che hanno calcato il suolo, nientemeno che al tempo di Gesù. In questo bagno rilassante e riflessivo, i colpi di scena vengono giustamente dosati e massaggiano la mente del lettore come tiepide acque termali agitate dal vapore. A suo modo, è un romanzo che sa coccolare. Sembra una favola, ma riesce ad essere più reale della stessa realtà che ci è stata insegnata. Più vero delle verità che ci hanno inculcato. Un romanzo equilibrato, delicato e cruento, dove i mille “forse” scritti dal protagonista nelle sue missive, hanno la parvenza di fatti realmente accaduti. Un romanzo dove le parole sono pesanti come macigni e dove la fantasia si scontra con la realtà, la trasforma e la rende più vera. Ecco, alla fine del bagno letterario, riapro gli occhi: la sensazione che rimane è quella di aver fatto un viaggio nel tempo, di essersi arricchito, di avere acquisito una conoscenza ulteriore, laterale, diversa dal solito, una specie di consapevolezza. Forse… forse non è così, ma se così fosse, sarebbe giusto così. Onore al merito.”

Stefania Piras 06.01.2021
5,0 su 5 stelle Bello

Bello questo libro, che con curiosità scava nella storia, ricostruendo in maniera originale il periodo che ha visto Gesù Cristo lasciare nel mondo una traccia indelebile. Andando avanti nella lettura la storia si unisce alla leggenda, in un crescendo di ipotesi e rivelazioni, ed alla fine nella mente restano vive più domande che risposte. Ma sicuramente colpisce la capacità dell’autore di scavare con curiosità e tenacia nella storia, che non sempre è come ce l’hanno raccontata.” Bravo!

Irene 24.02.2021
5,0 su 5 stelle L’altra faccia della storia.

“Se siete delle persone curiose, che cercano l’oltre in un libro, questo è quello che fa per voi. Un libro che racconta le origini del Cristianesimo viste da chi è protagonista e non lo è allo stesso tempo. Raccontato con lo stile che Guido Cornia ci ha insegnato ad amare, porta il lettore in un mondo sconosciuto e misterioso. L’altra faccia della storia, e Guido la racconta da par suo, in modo che susciti curiosità e desiderio di ricerca.”

Emiliana Catalano 23.02.2021

5,0 su 5 stelle poesia pura, anche se non si tratta di poesia questa è la sensazione ricevuta

“Guido Cornia ci riporta indietro al tempo in cui Gesù camminò su questa terra, inserendo nella storia personaggi da lui inventati, descritti in modo maestrale, con tutti i loro dubbi, rabbie, rancori, tragedie. Lo fa tramite la scrittura di rotoli che un pastore idumeo scrive al nobile Allio il giovane. Insieme a questo pastore attraverseremo il deserto, dormiremo sotto un cielo stellato. I rotoli sono come musica che si inseriscono lasciandovi armonia e bellezza che vi accompagnerà per molti giorni. L’epilogo sarà una sorpresa. Verità o invenzione? Da leggere senza ombra di dubbio.”