IL PAPIRO SCOMPARSO: Londra 3: 31 – Placebook Publishing 2021

Al British Museum qualcuno ha sostituito un antico papiro egizio con un falso di nessun valore. Ma la teca in cui era contenuto è intatta e il sofisticato sistema d’allarme non è scattato.
Il papiro scomparso contiene un misterioso e discusso messaggio, e il prestigioso direttore del museo non vuole scandali.

Così, anziché alla polizia, si rivolge a Sparrow the arrow perché le indagini si svolgano nel massimo riserbo.
Il nano campione di freccette, ed emulo di Sherlock Holmes, si farà spalleggiare dall’Ispettore Warren Crawford di Scotland Yard per risolvere quel mistero e assicurare alla giustizia un duplice omicida.

Acquista il libro in versione cartacea o leggilo in versione Kindle cliccando qui

Recensioni da Amazon.it

Stefania Piras 16/09/2021
5,0 su 5 stelle Bellissimo!

“Continuano i casi dell’ispettore Warren Crawford e di Sparrow the Arrow, ambientati in una suggestiva Londra degli anni 50, scritti da Guido Cornia con stile e ironia. Questa volta assistiamo alla scomparsa di un antico papiro egizio, misteriosamente sostituito con un falso senza valore. Il caso si rivela subito complesso, ma la tenacia di Sparrow, aiutato dal suo amico ispettore, risolverà il mistero, lasciando di stucco il lettore. Bravissimo, complimenti!”

Sergio Vettorello
17/09/2021
5,0 su 5 stelle La solita classe. Con un finale che è riduttivo chiamare sorprendente.
Recensito in Italia il 17 settembre 2021

“Ho in libreria tutti i libri di Cornia. Da quando mi imbattei un annetto fa nel suo sesto romanzo, ho fatto il percorso al contrario. Uno più bello dell’altro. Sono rimasto stupito quando ho visto il primo giallo. Non è da lui, ho pensato. Poi l’ho letto e ho cambiato idea. Lo stile è completamente diverso, più ironico e leggero, ma non di minore eleganza. Anche quest’ultimo, il papiro scomparso, ricorda una commedia inglese, e sta a metà tra un Jerome e un Forsyte. Il finale è ancora più efficace del primo della serie: impossibile indovinare il colpevole fino a poche pagine dalla fine. Fantastico.”