“SOVRUMANI SILENZI: ARCANE RAPSODIE Primo episodio” (PLACEBOOK PUBLISHING 2021)

Il libro si ispira alle celebri Avventure di Sinuhe, storia fantastica e antichissima, già nota nel medio regno dei faraoni.

Ma la ricostruisce in maniera nuova e originale, mai provata prima. Come un curioso egittologo, il lettore si troverà davanti ottantanove tra Ostraka e frammenti di papiro, e li ricomporrà ottenendo una storia con mille sfaccettature, vista attraverso gli occhi di personaggi diversi.

Lo stesso episodio assumerà sfumature differenti, in un crescendo di avvenimenti, imprevisti e sentimenti vissuti in tempi lontanissimi e luoghi affascinanti, fino al sorprendente finale.

Il video trailer del nuovo romanzo di Guido Cornia e Maria Stefania Piras “Sovrumani silenzi”

Acquista il libro in versione cartacea o leggilo in versione Kindle cliccando qui

Recensione a cura di Marisa Francavilla per Lᴀ Vᴏᴄᴇ ᴅᴇʟ Rᴇᴄᴇɴsᴏʀᴇ SCRITTURA VIVA (dic.2021)

“(…) Redigere un’opera a quattro mani non è affatto semplice in quanto non richiede soltanto un’intesa scrittoria e un comune intento, ma anche quella giusta flessibilità che consente di modellare la storia affinché stile, linguaggio e ritmo risultino quanto più possibile uniformi tra i due autori, tanto da rendere il tutto convincente. (…)
Indubbiamente una storia di spessore – che contiene un importante significato e insegnamento morale – ben scritta e ricca di sorprese. Un romanzo toccante e intenso dalle tante sfumature, che coinvolge pienamente il lettore, mostrandogli un bellissimo affresco di come poteva o avrebbe potuto essere la vita della gente di quei tempi. Un racconto particolare in cui il contesto storico e le vicende narrate danno vita nell’animo del lettore a emozioni senza tempo. Soprattutto un esperimento ben riuscito in cui l’estro creativo dei due autori riesce non solo a coinvolgere ma anche a sorprendere.
Per chi ama il fascino della storia, l’avventura e la sorpresa ma anche per chi desiderasse viaggiare in epoche lontane e Paesi misteriosi e sconosciuti, Sovrumani silenzi è il libro giusto. Più che consigliato.”
CLICCA QUI PER LEGGERE LA RECENSIONE COMPLETA

Recensioni da Amazon.it

Sergio Vettorello 27/09/2021
5,0 su 5 stelle Sconcertante e bellissimo

“Ho tutta la produzione di Cornia e non conoscevo la Piras, e all’inizio ho faticato a prendere il ritmo. Che fosse opera di questo autore era chiaro. Questa volta non erano lettere ma papiri ritrovati, ma la firma era la sua. Poi, pagina dopo pagina, mi sono fatto risucchiare dalla vicenda senza riuscire ad uscirne. Non stavo leggendo il libro, lo stavo scrivendo. Non so quantificare l’apporto dell’autrice, ma di certo ha contribuito ad aumentare la poetica generale dell’opera. Il commento finale dell’editore non chiarisce i ruoli, ma di certo gli uomini parlano con la voce di lui e le donne con quella di lei. E’ un connubio riuscitissimo. Le donne del romanzo sono figure meravigliose, nel bene e nel male. Il fascino naturale dell’Egitto è letto con toni personalissimi e nuovi, il mistero la fa da padrone, la scoperta è ad ogni pagina. Dall’inizio alla fine. Strepitoso. In copertina si parla di primo episodio, spero che arrivi presto un seguito.”

Gianluca Piattelli 01/10/2021
5,0 su 5 stelle Imperdibile!

“Sovrumani Silenzi è un romanzo geniale per costruzione. Qui, il narratore non esiste: sono i papiri, con i loro segreti, a raccontarci la storia. Questi ultimi sono opera di personaggi che sembrano avere attraversato il tempo e ora, come ologrammi avvolti nel mistero, emergono dalle pagine con i loro dubbi, le loro sofferenze, le loro ambizioni.
I due autori si alternano dunque nella stesura degli antichi cartigli e, riuscendo a mantenere alto il ritmo della storia, capitolo dopo capitolo liberano la loro fantasia e per mezzo di un’esoterica missione ci trasportano in una cruda realtà fatta di guerre, delitti, soprusi.
Leggendo, si assapora la monumentale conoscenza dell’Egitto al tempo dei faraoni da parte di un sempre ispirato Guido Cornia e, nondimeno, si percepisce la sensibilità creativa di Stefania Piras che, nella nuova veste di romanziera, dà rilievo all’opera intera con un tocco di femminilità mai scontato.
Complimenti a entrambi”